Il modello Montessori per la demenza

Il Modello Montessori per la Demenza (MMD), proposto dalla dr.ssa Anita Avoncelli nel suo libro Intuizioni montessoriane per la demenza, una nuova visione di cura, e Montessori abbraccia le demenze: manuale per operatori, ha come caratteristica essenziale quella di costruire una relazione positiva tra la persona affetta da demenza, il suo ambiente e le persone che se ne prendono cura. Ciò da modo di ridurre lo stress spesso alla base di stati di agitazione, di aggressività o di disturbi del comportamento che possono caratterizzare la persona affetta da demenza ma anche i diversi caregiver che entrano in uno stato di burnout. L’approccio proposto, partendo dal concetto di retrogenesi e sviluppato in una prospettiva sistemica, tiene conto degli aspetti relazionali e ambientali nello strutturare proposte di attività che vengono di volta in volta costruite per rispondere alle esigenze della persona assistita e del contesto che ruota attorno ad essa. Si tratta di una proposta innovativa che realizza il passaggio da una mentalità di sorveglianza/custodia ad una alternativa di cura attraverso la ridefinizione delle relazioni, dell’ambiente e delle proposte di vita quotidiana. L’utilizzo del modello, specie quando condiviso il più possibile dai molteplici attori della rete, può realizzare una presa a carico coerente e continuativa a favore di un possibile recupero di alcune capacità (nelle fasi iniziali della patologia), di un mantenimento il più a lungo possibile delle abilità residue, di una riduzione delle contenzioni farmacologiche e strumentali, di una migliore vicinanza ed accoglienza dei malati e dei loro famigliari.

Date

Venerdì 19.04 e sabato 20.04.2024

Orario

08.30 -12:30 / 13:30 -16.30

Durata

14 ore suddivise su due incontri

Tassa di iscrizione

CHF 230.-

Numero minimo di partecipanti 15

Contenuti
  • L’approccio Montessori e il concetto di retrogenesi
  • Obiettivi ed interventi possibili
  • L’ambiente Montessori in strutture e/o al domicilio
  • Quale comunicazione, relazione, accoglienza possibile
  • I materiali di sviluppo, sensoriali e di vita pratica: cosa sono?
  • Attivazione di strategie possibili per la gestione della persona con demenza
  • Progetto di vita: simulazione (primo giorno)
  • Materiali montessoriani e relative attività applicate alla persona con demenza: simulazioni (secondo giorno)
Obiettivi
  • Conoscere gli aspetti teorici dell’approccio Montessori
  • Comprendere il concetto di retrogenesi e coglierne il valore all’interno del MMD
  • Accrescere le proprie capacità di valutazione dell’ambiente e delle relazioni che caratterizzano diverse situazioni
  • Potenziare le proprie capacità di strutturazione e gestione delle attività più adatte per una persona affetta da demenza;
  • Progettualità socio educativa innovativa;
  • Modifica dell’ambiente di vita;
  • Modifica dell’organizzazione e gestione quotidiana;
  • Ripensare agli indicatori di qualità;
  • Passare da una mentalità di sorveglianza-custodia ad una di relazione
  • Miglioramento del lavoro di équipe
Destinatari

Infermieri, Fisioterapisti, Ergoterapisti, Specialisti in attivazione, Assistenti di cura, Addetti alle cure sociosanitarie, OSS e OSA, Collaboratori Sanitari CRS, Collaboratrici Famigliari, psicologi, terapisti occupazionali, direttori di struttura, coordinatori di struttura, care giver, fisioterapisti, logopedisti, educatori e pedagogisti

Certificato

Al termine del corso viene rilasciato l’Attestato di partecipazione CRS